Lo strano caso inconsapevole

L'architettura è sempre visibile. Quando non ha più un uso socialmente accettabile, cerchiamo di nasconderla perché ci vergogniamo e proviamo rimorso per averla lasciata morente in balia del tempo. La comunicazione che si appropria abusivamente degli spazi architettonici in disuso, attira la nostra attenzione verso di loro. Inconsapevolmente svela quello che abbiamo cercato di nascondere. Attira l'attenzione verso ciò che è stato messo da parte. Ma si dimentica, in parte, di se. Diventa essa stessa una povera vittima. La sprovveduta pensa che lo spazio trovato sia un colpo di fortuna. Ma si ritrova invisibile tra la folla di suoi simili.

Architecture is always visible. When its use is no longer socially acceptable, we try to hide it, because we are ashamed and feel remorse for leaving her dying at the mercy of time. The visual communication that unlawfully appropriates of architectural spaces disused draws our attention towards them. Unconsciously reveals what we have tried to hide. Draws attention to what has been put aside. But in part forget about herself. Become a poor victim. The naive, think that the space found to be a fluke. It becomes invisible in the crowd of his fellows.

Categories: Post

Share: Twitter Facebook Pinterest Tumblr Google+